11 settembre 2006

Città



...uno spuntino solitario, il silenzio rotto mille volte ad ogni respiro; la vastità del cielo notturno appesantita e ingabbiata dai palazzi.
Sto subendo un'inaspettata sensazione di vuoto nonostante sia circondato dal tutto che riempie il nulla appena abbandonato, fino a farlo traboccare...
Confido nella forza alienante della quotidianità, so che mi guarirà presto.
Mi abbandono al tedio cittadino,
e mi spurgo un po' l'anima.

2 Comments:

Anonymous nina said...

la quotidianità sa essere avvolgente e taumaturgica,cicatrizzante...a volte

nina

settembre 11, 2006 3:51 PM  
Anonymous riuriuchiu said...

le pause sono i momento in cui ricostruiamo il vuoto intorno a noi, a dispetto di tutto.
buona pausa, allora!

:-)

settembre 11, 2006 5:44 PM  

Posta un commento

<< Home


Heracleum blog & web tools